…Religione. Uno.

ottobre 18, 2007

dali_cristo.jpg …vantarsi è umano. Perseverare è diabolico. Crogiolarsi nel proprio vanto, è divino.

Oggi giocherò.

Farò finta di essere un altro. Chennesò, il signor P. per esempio. Oppure Aristotele, ch’è lo stesso. O Lynneo.

Il tema? La religione.

Quando ero piccolo, una domenica tornai a casa piangendo. Dissi a mia madre che il catechista aveva abusato oralmente di me. Nel senso che aveva alzato un pò troppo la voce. Non era vero, ma io m’ero rotto le palline di dover subire dopo una settimana scolastica anche le sue lagne su Cristo-superstar e la love story tra la Madonna e l’Arcangelo Gabriele. Mia madre andò a rimproverare il catechista che ovviamente non riusciva a capire cosa fosse successo. Ma i bambini dicono sempre la verità, ed io sfuggii alla cresima.

Da giovane, una mattina una donna venne a bussare alla porta. Ero solo in casa, per un motivo non ero andato a scuola. Ricordo che stavo sollecitando il mio pene osservando una modella di una televendita che scopriva il deretano per dimostrare che la pancera che indossava faceva sudare tanto. Scocciato andai ad aprire la porta. La donna mi chiese se fossi solo. Risposi di sì. Mi accorsi, seguendo la direzione del suo sguardo di avere un bozzo umido nei pantaloni. In un racconto di Miller, la donna mi sarebbe saltata addosso. In uno di Bukowski, sarei saltato io addosso a lei. Ma questa non è letteratura, è la vita. E nella vita la donna era una testimone di Geova. Mi disse se poteva lasciarmi un opuscolo in cambio di un’offerta. Ero giovane e inesperto. Imbarazzato corsi in casa, presi cinquemilalire e gliele diedi. Vista la cifra, la donna invece dell’opuscolo mi regalò un libro. Era tutto rosso, con le scritte d’oro. Il titolo è: Quale religione? E’ un saggio, secondo l’ottica dei testimoni di Geova, sulle Fede. Descrive tutte le maggiori religioni, smontandone una per una le basi. Lucido e puntiglioso, lo lessi tutto d’un fiato.

Mi convinse. Feci unoPiùUno e applicai la stessa critica anche al credo di chi me l’aveva venduto. Ero diventato ateo.

Quando ero ragazzo, comprai un libro. L’essenza della religione di Feuerbach, lo lessi e divenni agnostico.

Quando ero adulto, un giorno andai a Matera. Un panorama da mozzare il fiato. Tra un sasso e l’altro c’è un museo. Il Museo della Tortura e del Martirio. Vi sono esposte decine di metodi attraverso i quali l’Inquisizione Cattolica persuadeva gli epilettici a confessare di essere indemoniati, le adultere e le isteriche a dichiarare di essere streghe, gli eretici ad abiurare. Una postilla del diritto ecclesiastico afferma infatti che nessuno può essere condannato a morte senza che ammetta di essere colpevole di ciò che è accusato. Così gli aguzzini cattolici si divertivano a infilare tronchi appuntiti nell’ano, schiacciare le dita degli arti, lussare le spalle e gonfiare di acqua i corpi fin quando gli infedeli non bestemmiavano ammettendo di essere ciò che la mente malata dei loro killer immaginava. Uscii dal museo e gridai un porcoddio che non avete idea.

Dal punto di vista accademico è possibile suddividere il cervello in due aree funzionali. Quella istintiva e quella razionale. La prima la posseggono tutte le specie animali. Da qui nascono le emozioni. E’ la bestia ch’è in noi. E’ la parte più antica. Il substrato anatomico viene definito Sistema Limbico. Freud l’aveva romanticamente denominato Inconscio.

La seconda è tipica della nostra specie. Dal punto di vista evolutivo è giovane. Viene localizzata nei Lobi Frontali ed è ciò che ha permesso la nascita della filosofia, l’amore per la conoscienza e successivamente della scienza.

L’uomo ha sempre avuto un difetto. Quello di doversi spiegare tutto. Perché il Sole si muove? Da dove veniamo? Chi siamo? Se fossimo bestie non ce ne preoccuperemmo. Fossimo totalmente razionali, saremmo pacifici alieni, e non umani. Siamo un mix tra bestie e esseri razionali: siamo esseri religiosi. Abbiamo razionalizzato l’istinto.

Anche altre specie animali hanno un atteggiamento religioso. E’ ciò che gli studiosi definiscono comportamento superstizioso. Semplifico con un esempio. Un topolino di laboratorio tenderà a ripetere la sequenza dei gesti che stava compiendo nel momento in cui il ricercatore somministra una pallina di cibo (premio) all’interno della sua gabbietta. Se un attimo prima dell’arrivo del cibo il topo stava in un angolo a grattarsi l’orecchio sinistro con la zampetta destra, tenderà in futuro a passare più tempo in quell’angolo a grattarsi nello stesso modo.

Ora. Pensate ad uno studente che il giorno in cui l’esame va bene indossa una particolare T-shirt. Se superstizioso tenderà ad indossarla anche all’esame successivo. E se non lo fa e l’esame va male, la superstizione si rafforzerà. Ma non esiste nessun collegamento tra una maglietta e un risultato ad un esame come non esiste nessun collegamento tra il comportamento del topo e quello della scelta da parte del ricercatore di somministare il cibo in un particolare momento piuttosto che in un altro. Come non esiste alcuna correlazione tra la quantità di preghiere rivolte alla Madonna e le Grazie da Ella accordate.

La religione è un bisogno fisiologico. Come il cibo. Il confronto non è una provocazione, tanto che la si potrebbe incasellare all’interno delle categorie di quest’ultimo.

Anche in campo religioso esistono infatti i bulimici: i fondamentalisti. Ingurgitano in modo ossessivo per poi vomitarsi addosso. Gli obesi, i religiosi di professione. Il livello religioso supera la media della popolazione e tutto il loro modo di pensare ne è condizionato. Gli anoressici: a basso regime religioso, si autodefiniscono razionali. Un tempo, comunisti. Non hanno mai letto Pascal o Spinoza.

Ci sono poi quelli che seguono la dieta. Hanno un regime dietetico ben stabilito, consigliato da esperti del settore: preti, Papi. Vanno a messa tutte le domeniche, le feste religiose e conoscono tutte le preghiere. Paradossalmente il loro obiettivo è tutto razionale: la VitaEterna.

In questi ultimi tempi è facile trovare gli onnivori. Mangiano di tutto: oroscopi, scongiuri, preghiere, fondi di caffè, fatture, maghi e cartomanti. Credono un pò a tutto. Persino al Biscione.

Quindi i buongustai. Vanno a messa solo nelle maggiori festività, al Duomo, vestendosi in tiro.

Gli schizzinosi: si lamentano di tutto: il prete che parla troppo, la messa troppo lunga, che freddo, che caldo, preferisco di sabato.

Aiuto cuochi: i chirichetti e tutte quelle figure che bazicano intorno alle chiese: zitelle Perpetue e scapoli che non hanno preso i voti.

I golosi. Sono credenti ma provano un gran gusto a bestemmiare. Eseguono il segno della croce quando passa la Madonna o un morto. Se invitati ad un matrimonio si vestono in tiro. Partecipano alla messa, salvo poi bestemmiare il pomeriggio dopo il pranzo mentre, con la camicia aperta seguono le partite di calcio.

Vegetariani. Sono gli alternativi. Religioni mistiche, yoga e comunque diverse da quella del paese in cui sono nati.

Falsi magri. Si fanno le pippe di nascosto, con uno strano senso di colpa.

continua

Annunci

5 Risposte to “…Religione. Uno.”

  1. Daniela Says:

    …vediamo come continua…

  2. liberto Says:

    …lo sapevo che avresti scritto… ben ritrovata, mi sei mancata! …quasi quasi ho timore di continuare…

  3. Blimes Says:

    Porci dei.

  4. blasfemino Says:

    Porco Dio gnomo tabagista, figlio della madonna deflorata con un trapano da tutti gli angeli in colonna (Porco Dio porca Madonna), che vende pinoli all’angolo della strada rubando sul prezzo e lanciandosi in testa delle pere scopre di essere Babbo Natale mentre le ovaie dell’asina (non la bestia che scalda gesù con l’alito, ma la madonna che raglia), perdono placenta putrescente in mezzo ad una valle di falli ebrei con lo scolo che mitragliano chiodi verso delle croci in cui sono inchiodate più parti del porco di cristo dio cacca che sputa teste di bambinello col cappello alla pescatore mentre gesù falegname si aggiusta i piedi bruciati nel rogo dell’averno mentre quel coglione del bue muore sul pene di dio girarrosto e stuprapolli semplicemente dio cane, che azzanna il culo di dio polpo infiocinato dall’intestino di cristo il quale adora sbattersi sulla fronte molteplici glandi di marocchino che lo ricompensano con sperma infetto a pioggia che la madonna raccoglie con la bocca mentre balla la polka sulle palle di padre pio senza mutande mentre fa un pompino ad un bue grasse durante la festa del raccolto pagana in onore a dio cinegro che vomita feti morti dal palco di un concerto degli Iron Maiden mentre San Pietro mazzuola con la sua verga molteplici pampini intonando bestemmie a per di fiato quando viene colto da un’attacco di schizzofrenia (ovvero la malattia che ha chi soffre di eiaculazioni irrefrenabili) dovuto ad un orgasmo multiplo di quella troia della madonna che guarda e imita tutti i film di cicciolina facendo sesso con un negro con la bega lunga così e trstullandosi con un vibromatic 3000 che lo succhia mentre Gesù annega nella diarrea sanguinolenta di San Giuseppe ricchione che si scopa nel culo venti mazzi di cazzi di angeli negri con un cazzo di 300 metri e si beve la sborra e la vomita addosso a Dio, che tira le noccioline invendute nel culo di Madre Teresa dalla cui bocca escono stronzi che Gesù poi mangia conditi coi succhi anali di Padre Pio Pedofilo che intanto si sta facendo ficcare una spada laser nel buco del cazzo da Yoda, che grazie alla Forza sta facendo vibrare i suoi coglioni mentre sono tutti dentro la fica sborrata e sanguinante della Madonna, che urla come una cagna in calore facendosi succhiare le tette da Don Matteo, che intanto si sta prendendo una bicicletta in culo da San Girolamo, e quando Yoda sborra roba verde se la beve tutta San Sebastiano mentre si sta facendo infilare le frecce nel buco del cazzo mentre San Gennaro risolve la crisi dei rifiuti campani facendone un mega vibratore che la fica della Madonna risucchia a vortice mentre quel rotto in culo di Giuseppe si fa chiavare dall’esorcista e dai dodici apostoli creando una Gang Bang sacra a cui la Madonna non partecipa poiché impegnata in un coca-party dove si trapana il culo con i grissini nostromo fagocitati successivamente dal cane di dio, ovvero dio cane, il quale defeca nel pounch di sperma e pinoli di dio che, bevendo birra dal fusto dell’heineken, si spara dell’LSD vomitando sui sandali di cristo che, essendo figlio di un falegname, si fa una sega con la foto di Geppetto nudo mentre i suoi coglioni magicamente esplodono finendo in faccia a San Gennaro che, utilizzandoli come salsa per la pizza, si fa inculare da un negro sordo fino all’orgasmo mentre Maria Teresa spruzza il suo mestruo sui fedeli inneggiando bestemmie contro i condomini che si masturbano di fronte alla foto di un vecchio bavoso e, solfeggiando rutti, ficcano diti in culo a San Pietro per farlo eiaculare tramite stimolazione interna della prostata e si viene in faccia da solo e schizza sperma sanguinolento sui sandali mefitici di Gesù Cristo pedofilo, inculato da Lucia dos Santos con un fallo bicappellare a 7 velocità con pile ad anti-materia scaricato dalla troia della della svergine Maddalena, sostituendolo con uno a cappella rotante auto-riscaldante e luminescente comprato dai marocchini dei Re Magi che alla grotta portarono merda, coca e un barbecue per le braciole di bue sgozzato dal satanista di Giuseppe ingroppato da una tribù di indigeni negri del Congo, assetati di mestruo sanguinolento della fica slabbrata della troia di Santa Rita stuprata da quel coglione del papa e tutto il clero residente nel Vaticano che nel loro pollaio nascondono una pedo-porno-prigione dove sono morti i fratelli Francisco Marto e Giacinta Marto per eccesso di sborra calda del sacrestano che stava di guardia, che poi ha fatto a cambio con il boia del Dio tardo che per rincorrere la sua palla da beatch-volley finita nel giardino dei chiodi di Padre Pio, che inneggia bestemmie a svariate entità religiose, dopo essersi accorto di essersi bucato le mani col trapano arrugginito del nonno mentre costruiva una ghigliottina comprata all’IKEA, (da quel falegname mozzo al cazzo di Giuseppe), che gli servirà per giustiziare la battona della madonna che fece incazzare il maiale budello di Gesù fruttolo, non essendosi messa col culo in regola dopo aver fatto una sforbiciata con Madre Teresa usando il bastone di quel feticista di Mosè, che si diverte trasdurlando il clitodire nel culo di quel ubriacone di Geremia che insieme agli apostoli si sono chiavati tutti gli abitanti di Gerusalemme e animali (vivi e morti), mentre i santi puliscono casa del dio Chuck che li sfama con tarzanelli dell’asinello ripieni di catarro del papa rott’inculo con la sindrome del cazzetto verde, a causa dei piselli dell’orto del frocione che dava i bacetti a tutti di Giuda, mentre la Madonna gli viene la sindrome da bocca blu dai troppi bocchini al principe azzurro che si scopre essere Siffredi che filma tutto e lo mette on-line su: non siamo tutti “santi”, mentre Dio si deprime a causa della sua “mina di matita smozzicata” che si ritrova (la conferma di ciò si ha col fatto che pur essendo il porcone più grande di tutti è anche l’unico uomo ad aver messo in cita una troia senza averla sverginata), e mentre sui figlio, quel Gesù arabico giocoliere e illusionista si mette a far giochetti da 4 soldi per poter mantenere la sua famiglia di milioni rumeni, venuti dalla Cina col furgone, finge di camminare sull’acqua, e a distanza di anni da quella cojonata, si scoprì che in realtà lì c’era bassa marea, e allora tutta la Palestina inferocita e truffata decise di prendere a cappellate bioniche in faccia la Madonna che pagherà tutti per questa truffa offrendo gratis il suo culo a vita, e una volta morta dalla troppa sborra che ormai ha sostituito i globuli rossi vieni impalata nell’inferno col forcone di Satana nella fica ove ritrova il suo figliuolo Marilyn Manson, dato per disperso dopo ripetuti appelli a “Chi l’ha visto?” ma mai mandati in onda perché Gesù Cristo cane lebbroso malato di Alzheimer e Parkinson li sfrutta per fare da vibratore vivente a tutte le suore del mondo che hanno una voglia matta di masturbarsi dopo anni e anni dall’infibulazione fattagli dal dottor House con aghi arrugginiti all’inizio della loro carriera di suore pedofile che si ingroppano gli orfanelli dell’8×1000, trasportati illegalmente in forma di ovuli nell’utero decomposto di quella traghettatrice di mulatti sessuomani della Vergine Maria e spiattellati in faccia al buongustaio Padre Pio in un’Apocalisse necrofaga, che ne mangia metà con indosso la placenta e spolverati di formaldeide mentre Cristo si fa infilare un’asta di microfono nel culo da Varg Vikernes durante un rave anti-religioso, defecando cotolette di maiale il venerdì santo sopra le foto di San Pietro stimolatore di maiali (i quali, è noto, vantano orgasmi da 30 minuti), che nel tempo libero crocifigge San Sebastiano sul palco di San Siro incidendogli un pentacolo sulla cappella con una punta di freccia maya, e dopo aver raccolto il suo sangue lo da da bere al suo allevamento di mosche giganti geneticamente modificate che per ringraziarlo gli piantano i pungiglioni nei coglioni provocandogli asfissia autoerotica mentre il porco maiale stronzo e rotto nel culo a sangue di gesù cristo motociclista sul piaggio ciao gli infila la lingua in culo fino al pancreas e Dio giocatore di playstation fino ad avere gli occhi fosforescenti con uno schiocco delle sue dita suine provoca un tornado in africa che fa volare un negrone col cazzo già duro dritto dritto nella fica di santa barbara drogata di telefilm e cartoni animati, sfigata e con la passera che puzza del broccolo bollito con cui la notte prima si è masturbata ripetutamente insieme alla battona della madonna tossica di abbracci mulino bianco e pavesini che scioglie nell’acido e si inietta in vena mentre padre pio la guarda con gli elettrodi attaccati ai capezzoli e alle palle mosce e gode dandosi fuoco ai peli del pube, tutto ciò è filmato da San Tommaso (che se non vede non crede), il cui hobby è riguardare i filmati di Padre Pio che soffre (in svariati e pittoreschi modi) e poi metterli su YouTube dal PC di San Girolamo, che appena se ne accorge bestemmia la Madonna e castiga il povero Tommasino immergendogli una parte del corpo a random nella friggitrice accesa del McDonald, contenente olio stantio di dieci settimane e, facendolo inculare da due impiegati in nero e sottopagati, soddisfa le sue represse fantasie erotiche malsane e bandite dalla Chiesa bastarda e corrotta comandata da un frocio con l’Alzheimer crucco e deficente che crede in un trio di deficenti pervertiti che si sodomizzano a vicenda ballando a ritmo di Y.M.C.A frustandosi e con abiti di pelle e lattex mentre guardano vogliosi San Benedetto da Norcia ballare la lap dance con un salame infilato su per il culo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: